“MediterraneanArtisanal Salinas” a Marsala tappa finale

Interessati dal progetto gli impianti artigianali di Libano, Tunisia, Spagna e Italia

Tappa finale del progetto europeo “MediterraneanArtisanal Salinas”, nell’ambito del programma “Eni CBCMED” finanziato dall’Unione Europa, venerdì 16 settembre, dalle ore 9,30, presso il mulino “Ettore e Infersa” di Marsala.

Il convegno, che prende il titolo proprio dal progetto, si aprirà con l’intervento della coordinatrice Tiziana Campisi e di Francesca Etzi che presenterà le 4 azioni pilota messe in campo nei 4 Paesi partner: Italia, Libano, Tunisia e Spagna. Nelle saline “Ettore e Infersa”, unico sito italiano, insieme a Cervia, dove si è intervenuto, è stata prevista un’azione pilota i cui risultati saranno illustrati da Antonio D’Alì Staiti. Il progetto “MedArtSal”, attraverso l’analisi delle saline di Libano, Tunisia, Spagna e Italia, ha consentito di studiare modelli di gestione per dare la possibilità alle saline artigianali di rimanere competitive sul mercato, diversificando i propri prodotti.

Ai lavori interverrà il Presidente della “Sosalt Spa” Giacomo D’Alì Staiti che parlerà invece del “Processo di produzione del sale marino e certificazione di qualità del sale”. I lavori da metà mattinata e sino al pomeriggio saranno dedicati al workshop su “La diversificazione dell’uso del sale, tra gastronomia e turismo”, con gli interventi dello chef Peppe Giuffrè (Il sale marino e il suo uso gastronomico), Vincenzo Tiana, Presidente dell’associazione “Parco Molentargius” (Sulla strada del sale come prodotto bio), Ciro Zeno, Presidente associazione “Plus Salis” (Produzione di sale marino: attività agricola o industriale?), Giovanni Sistu, Università di Cagliari (Sale marino e sale di miniera: una prospettiva scientifica), Antonio D’Alì Staiti (Saliturismo: un nuovo approccio all’ecoturismo e benessere), Claudio Dario del Centro studi Lorenzon dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Treviso (Sale e salute. Un binomio troppo spesso demonizzato), Alejandro Perez dell’Università di Cadiz (Saline di mare: un santuario per il birdwatching), Girolamo Culmone, consigliere della Società italiana di geologia ambientale (Caratteristiche naturalistiche delle saline).

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.